Libri

“O Cortiço”: Aluísio Azevedo e la Rio umile di fine Ottocento

o-cortico-aluisio-azevedo
"O Cortiço", romanzo di Aluísio Azevedo.

Su suggerimento di un’amica, ho finito da poco di leggere uno dei classici della letteratura brasiliana dell’Ottocento, “O Cortiço”. Scritto da Aluísio Azevedo, pubblicato nel 1890 e tradotto anche in italiano, il romanzo è una delle opere principali del Naturalismo in Brasile. In effetti, descrive in modo crudo e spregiudicatamente realista le vicende di un cortiço carioca, ambiente urbano in cui un unico proprietario affitta, a ridosso delle sue attività commerciali, numerose mini-abitazioni umili e con servizi in comune a persone di classe sociale in genere molto bassa.

La storia è da una parte quella di João Romão, proprietario di un cortiço a Botafogo, il quale, pur di salire il più possibile nella scala sociale, non si fa scrupoli né a sfruttare il lavoro altrui né a privarsi di ogni spesa per mettere da parte ogni centesimo; dall’altra parte ci sono le vicende dei tanti abitanti, dai muratori immigrati alle lavandaie mulatte, che con le loro famiglie sopravvivono tra stenti e difficoltà.

Senza raccontare troppi dettagli del romanzo, vi dico solo che “O Cortiço” mi ha colpito per il suo coraggio nel descrivere senza censure la società brasiliana di quel periodo a partire dai personaggi creati dallo scrittore. È un libro che affronta temi come la schiavitù, le diseguaglianze economiche, l’alcolismo, il maschilismo e l’omosessualità e non è poco considerando l’anno in cui venne pubblicato. È un libro da cui riverberano i sogni di riscatto dei più poveri, che descrive le angustie dei diseredati, che denuncia le ipocrisie meschine, le avarizie, le piccole e le grandi invidie. “O Cortiço” è un libro che parla anche di come le persone siano capaci, consapevolmente o inconsapevolmente di trasformarsi alla ricerca di un cambiamento oppure per scelte dettate dalla disperazione o, ancora, per seguire desideri inconfessabili.

Usando un linguaggio moderno e innovativo, Aluísio Azevedo dipinge una Rio de Janeiro di fine Ottocento in cui i nuovi quartieri della zona sud della città erano in espansione e dove la cultura africana si stava mescolando con quella europea e con quanto di già propriamente brasiliano esisteva: la Rio del commercio di quartiere, delle rodas musicali e dei botequins che è cresciuta nel tempo, che in parte sopravvive ancora oggi e che ha le sue fondamenta in una terra zuppa e fumosa:

“E naquela terra encharcada e fumegante, naquela umidade quente e lodosa, começou a minhocar, a esfervilhar, a crescer, um mundo, uma coisa viva, uma geração, que parecia brotar espontânea, ali mesmo, daquele lameiro, e multiplicar-se como larvas no esterco”.

Acquista ora il libro:

Simone Apollo

Sono appassionato di Rio de Janeiro e di Brasile. Sociologo, esperto di America latina, innovazione sociale, favelas e comunicazione. Inventore di DentroRiodejaneiro, l'unico blog italiano dedicato a Rio de Janeiro (e non solo).

Lascia il tuo commento

Fai clic qui per lasciare un commento

AMI IL BRASILE? SEGUICI!
Ogni tanto riceverai novità dal blog, segnalazioni di eventi, offerte per risparmiare sui viaggi e altre informazioni utili. Potrai disiscriverti quando vorrai e, è una promessa, non condivideremo mai i tuoi dati.
Ho preso visione dell'informativa sulla privacy, accetto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.
SCARICA IL MEDIA KIT
Scaricando il media kit dichiari di aver letto e accettare l'informativa sulla privacy. Non condivideremo mai i tuoi dati con altri.
Grazie per aver scaricato il Media Kit.
Per ogni informazione puoi scriverci a comunicazione@baleia.org o tramite la nostra pagina Facebook
BAIXE O MÍDIA KIT
Baixando o mídia kit você declara de ter lido aceitar a nossa privacy policy. A gente não vai difundir seus datoss.