Note carioca

Re-Batucada, Marcelo D2 e gli architetti del samba

re-batucada-marcelo-d2-nc15-new
Re-Batucada/Do Jeito que o Rei mandou - Marcelo D2 (2003).
Marcelo D2 e il suo omaggio agli architetti della musica brasiliana che ancora oggi fanno vivere emozioni a fior di pelle a generazioni di carioca e non solo.

Nascere a Rio de Janeiro deve essere speciale. Le spiagge, os morros, i vicoli, la musica.

Probabilmente, aldilà di ogni stereotipo, se nasci a Rio de Janeiro non puoi non amare il samba, nonostante le strade percorse durante la vita ti portino ad avvicinarti a terre lontane.

Probabilmente, il piccolo Marcelo Maldonado Gomes Peixoto amava e ascoltava il samba come tutti. In ogni casa di Rio de Janeiro, i nomi di Noel Rosa, Pixinguinha, Cartola, João Nogueira sono pane quotidiano.

Come abbiamo già detto, però, le strade che intraprendiamo sono imprevedibili e non bisogna stupirsi se un brasiliano doc come Marcelo si ritrovi, ad un certo punto della sua vita a fare rap e hip hop. E così, al primo nome si aggiunge il D2, soprannome con il quale si consacra nel mondo della musica.

Marcelo D2 è un rapper, sì, ma ci sono tanti modi di esserlo. Il primo modo è quello per cui ci si dimentica delle origini e si guarda con riverenza agli Stati Uniti. Il secondo è quello in cui si prende coscienza della propria storia e si cerca il giusto equilibrio tra passato e futuro, tra samba e hip hop. È proprio da questi presupposti che nasce “Re-Batucada”, brano inserito nel disco del 2003 “A procura da batida perfeita”.

“Sorria o samba mata a tristeza da gente
Quero ver o meu povo contente
Do jeito que o rei mandou”.

I propositi di Marcelo D2 si intuiscono sin dalle prime battute che omaggiano il grande João Nogueira e il suo meraviglioso brano “Do jeito que o Rei mandou”.

“Muito respeito aos arquitetos da música brasileira
Os verdadeiro é aqueles que nunca tão de bobeira
Que no quintal ou na escola o samba é de primeira
Poeta operário de segunda à segunda-feira”.

La batucada è quella del samba, incessante, convulsa; il rap rapido, cadenzato, fluente.

Il testo è l’omaggio alla grande musica brasiliana e ai suoi architetti. E poi c’è il Carnevale con i suoi colori, le sue danze, la sua storia e la sua cultura. E, ancora, Chico Science, Cartola, Jovelina, Tom Jobim, Candeia, João Nogueira, Dona Neuma e Tim Maia. Finendo con i poeti operai che rendono vivo il samba nei cortili delle scuole di samba.

Allora: “Sorria!”.

Racconto scritto a quattro mani da Pietro Scaramuzzo e Simone Apollo per la rubrica Note Carioca.

Pietro Scaramuzzo

Tra i più autorevoli esperti di musica brasiliana in Italia. È il fondatore di Nabocadopovo, progetto culturale per la diffusione della musica e della cultura brasiliana.

Lascia il tuo commento

Fai clic qui per lasciare un commento

AMI IL BRASILE? SEGUICI!
Ogni tanto riceverai novità dal blog, segnalazioni di eventi, offerte per risparmiare sui viaggi e altre informazioni utili. Potrai disiscriverti quando vorrai e, è una promessa, non condivideremo mai i tuoi dati.
Ho preso visione dell'informativa sulla privacy, accetto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.
SCARICA IL MEDIA KIT
Scaricando il media kit dichiari di aver letto e accettare l'informativa sulla privacy. Non condivideremo mai i tuoi dati con altri.
Grazie per aver scaricato il Media Kit.
Per ogni informazione puoi scriverci a comunicazione@baleia.org o tramite la nostra pagina Facebook
BAIXE O MÍDIA KIT
Baixando o mídia kit você declara de ter lido aceitar a nossa privacy policy. A gente não vai difundir seus datoss.