Note carioca

Alô Alô, Jorge Ben Jor e l’istantanea di Rio de Janeiro anni Novanta

w-brasil-chama-o-sindico-nc2-new
W/Brasil (Chama o Síndico) - Jorge Ben Jor.
La Rio de Janeiro degli anni Novanta cantata da Jorge Ben Jor in un racconto musicale impietoso.

Alô Alô dabliú Brasil. Qui è Jacarezinho, anno domini 1990.

Le strade si inerpicano su per il morro in un groviglio di curve, scale e lamiere organizzate in un ordine casuale e colorato. Da qualche angolo si sente la batucada della scuola di samba Unidos do Jacarezinho e la chitarra elettrica di Jorge Ben, che da qualche tempo si fregia di un Jor appena dopo il Ben: Jorge Ben Jor suona meglio, dopotutto.

Con la sua chitarra elettrica intona due accordi, sempre gli stessi. Jorge Ben Jor suona e nel frattempo fotografa e racconta, in uno stream of consciousness ripido come le strade della favela, l’immagine di Rio de Janeiro.

Ci sono i narcotrafficanti a Jacarezinho, attento alla polizia, nasconditi, sparisci e fa sparire le tracce!

Alô Alô dabliú Brasil. A Rio de Janeiro c’è la politica. Fernando il bello, al secolo Fernando Collor de Mello, presidente del Brasile dimessosi il 29 dicembre del 1992 a causa di un impeachment, il primo dell’America Latina, per le accuse di corruzione, evasione fiscale ed esportazione di valuta. E ci sono Cabral 1 e Cabral 2. Il primo, Pedro Álvares Cabral, navigatore portoghese considerato lo scopritore della “filial”, il Brasile; il secondo, Bernardo Cabral, ex ministro della giustizia e latin lover d’alto borgo dimessosi per la tresca con Zélia Cardoso de Melo, ex ministro dell’economia.

Alô Brasil, Cabral 2 tentou e se deu mal!

Un ritratto impietoso.

Alô Alô Tia Leia, perché a Rio de Janeiro c’è anche lei, Lea Millon, già impresaria di Gilberto Gil, Caetano Veloso, Gal Costa, Maria Bethânia.

Salve Tia Leia, salve simpatia.

Alô Alô dabliù Brasil, e alô alô Rio de Janeiro, città complessa e in continua evoluzione. Mosaico di storie a volte difficili da raccontare, che Jorge Ben Jor accenna ma non descrive, facendo di “W/Brasil (Chama o Síndico)” una delle composizioni più ermetiche della musica brasiliana. In fondo, perché Tim Maia sia amministratore di condominio non ci è dato saperlo.

Dabliù Brasil è l’istantanea a volte impietosa, altre volte meno, di una città bella, troppo spesso ferita da trafficanti e gente di malaffare. Ma è anche l’inizio di una rivoluzione musicale fatta di suoni elettrici, incursioni di fiati e funk na cabeça. Alô Alô Dabliù Brasil, Salve Jorge Ben Jor!

Racconto scritto a quattro mani da Pietro Scaramuzzo e Simone Apollo per la rubrica Note Carioca.

Pietro Scaramuzzo

Tra i più autorevoli esperti di musica brasiliana in Italia. È il fondatore di Nabocadopovo, progetto culturale per la diffusione della musica e della cultura brasiliana.

Lascia il tuo commento

Fai clic qui per lasciare un commento

AMI IL BRASILE? SEGUICI!
Ogni tanto riceverai novità dal blog, segnalazioni di eventi, offerte per risparmiare sui viaggi e altre informazioni utili. Potrai disiscriverti quando vorrai e, è una promessa, non condivideremo mai i tuoi dati.
Ho preso visione dell'informativa sulla privacy, accetto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.
rio-de-janeiro-blog-media-kit
SCARICA IL MEDIA KIT
Scaricando il media kit dichiari di aver letto e accettare l'informativa sulla privacy. Non condivideremo mai i tuoi dati con altri.
Grazie per aver scaricato il Media Kit.
Per ogni informazione puoi scriverci a comunicazione@baleia.org o tramite la nostra pagina Facebook
rio-de-janeiro-blog-midia-kit
BAIXE O MÍDIA KIT
Baixando o mídia kit você declara de ter lido aceitar a nossa privacy policy. A gente não vai difundir seus datoss.