A scuola di aquiloni nella favela di Rio: video

Video su una scuola di aquilone nelle favelas di Rio de Janeiro, realizzato attorno a un progetto cha lega il marketing e l’innovazione sociale: splendido!

La bellezza di Rio de Janeiro è anche in un bambino che fa vibrare il suo aquilone nel cielo.

Il video che vi presento oggi è realizzato nell’ambito del progetto “Rio eu te amo” e documenta il lavoro fatto insieme alla Ong Educap, attiva nel quartiere di Inhaúma (zona nord di Rio de Janeiro) con progetti nel vicino Complexo do Alemão (uno dei più grandi complessi di favelas a Rio de Janeiro).

Con l’aiuto di “Rio eu te amo” (grande campagna di marketing basato sulla bellezza di Rio de Janeiro) e la collaborazione dei piccoli artigiani della favela, l’associazione ha realizzato un progetto semplice e affascinante: una oficina de pipas (una scuola di aquilone). Non mi stanco mai di dirlo: le idee innovative arrivano sempre dalla partecipazione di realtà molto diverse tra loro.

Aquilone-favelas

Aquilone sulle favelas (foto: F.Araújo)

In portoghese pipa significa aquilone e molti bambini e ragazzi, soprattutto delle zone più popolari ogni giorno alzano con orgoglio il loro piccolo aquilone sui tetti delle favelas.

Una vera e propria arte, oltre che un gioco, quella dell’aquilone. Un’arte che può essere uno strumento educativo e di rafforzamento della personalità di giovani che vivono in contesti difficili. Allo stesso tempo, come sottolinea Anderson (uno degli istruttori), l’aquilone serve agli adulti per restare un po’ bambini e conservare la semplicità e l’apertura mentale dei più piccoli. L’uso dell’aquilone a Rio de Janeiro è frutto di una cultura di decenni che il progetto vuole trasmettere alle nuove generazioni della comunità.

L’aquilone è anche un’attività che fa vivere l’ambiente urbano: un argine alla digitalizzazione del giocare. Manovrare un aquilone è una sorta di meditazione che serve alla ricerca della pace interiore e, nel caso dei bambini delle favelas di Rio, uno strumento che con pochissimo riesce a dare una grande felicità.

Ecco il video. Che ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *