Note carioca

Garota de Ipanema: Tom, Vinicius, pelle dorata e poesia

garota-de-ipanema
"Garota de Ipanema" - Tom Jobim e Vinicius de Moraes (1962).

[highlight style=”smoke”]”Garota de Ipanema” non solo è l’essenza della bossa nova e la canzone cha fa sognare il Brasile ma è un pezzo di storia di Rio de Janeiro e della vita carioca.[/highlight]

[dropcap style=”circle”]S[/dropcap]ulla cartina di Rio de Janeiro, nell’esatto punto in cui la dicitura Ipanema descrive uno dei quartieri più famosi della città, si fa fatica a cercare Rua Montenegro. Spostarsi in alto o in basso e seguire la linea del mare con l’indice non risolve l’enigma. E non c’è verso: Rua Prudente de Morais che dovrebbe incrociare Rua Montenegro, in realtà non la incrocia mai.

Per trovare la via, infatti, bisogna fare un salto indietro nel tempo, un volo di cinquanta anni. Nelle carte topografiche di una ridente Rio de Janeiro del 1962, Rua Montenegro l’avremmo trovata proprio dove ci saremmo aspettati, all’incrocio con la Prudente de Morais.

In quell’esatto punto una porta, che oggi possiamo solo immaginare, consentiva l’accesso, ad un bar. Il Veloso, che niente ha a che fare con il noto artista che ai tempi ancora non calcava i palchi, era il solito bar “da esquina”, come lo definiscono i brasiliani, dove ci si ubriaca, si litiga per il calcio, per la politica e si guardano passare le ragazze per ammirarne la loro bellezza.

Helô Pinheiro, bionda e meravigliosa in quel suo ipnotico ondeggiare d’anche, davanti al Bar Veloso ci passava spesso. Il più delle volte per raggiungere l’assolata spiaggia di Ipanema, mentre al bar, tra un whisky e un sigaro, Vinicius de Moraes, gran bevitore, e Tom Jobim passavano interi pomeriggi a discutere di musica o addirittura a comporla.

garota-de-ipanema
“Garota de Ipanema” – Tom Jobim e Vinicius de Moraes (1962).

In uno di quei pomeriggi Tom aveva proposto a Vinicius una sua composizione. Vinicius, dal canto suo, aveva provato a incastrarci un testo che aveva per le mani e che recitava pressappoco così:

“Vinha cansado de tudo
de tantos caminhos
tão sem poesia
tão sem passarinhos
com medo da vida
com medo de amar.

Quando na tarde vazia
tão linda no espaço
eu vi a menina
que vinha num passo
cheio de balanço
caminho do mar.”

Eppure nel testo c’era qualcosa che non andava. Non tanto nella metrica, quanto piuttosto nel sentimento, nella passione che la canzone avrebbe dovuto raccontare.

Che sia stato un convulso accartocciare o dritti segni di inchiostro, quel testo fu cancellato. Al suo posto, la semplice descrizione di un momento fugace ma marcante che davanti a Tom e Vinicius si manifestava così:

“Olha que coisa mais linda
mais cheia de graça
é ela menina
que vem e que passa
num doce balanço
a caminho do mar.

Moça do corpo dourado
do sol de Ipanema
o seu balançado é mais que um poema,
é a coisa mais linda que eu já vi passar.

Ah, por que estou tão sozinho?
Ah, por que tudo é tão triste?
Ah, a beleza que existe!
A beleza que não é só minha
que também passa sozinha.

Ah, se ela soubesse
que quando ela passa
o mundo inteirinho se enche de graça
e fica mais lindo
por causa do amor”.

Il titolo, il più semplice, “Garota de Ipanema”. Le parole e la musica, le più emblematiche della Rio de Janeiro di quegli anni e dello stile di vita carioca, oltre ad essere il risultato in musica dell’incontro di due poeti.

Composto nel 1962, il brano è considerato, più ancora di “Chega de Saudade”, l’inno della bossa nova. In oltre 50 anni di vita, si contano migliaia di esecuzioni e versioni diverse, tanto da poter competere con pietre miliari come “Yesterday” dei Beatles.

Alcune di queste diverse pelli di “Garota de Ipanema” sono estremamente famose. Si pensi alla versione in inglese di Frank Sinatra o a quella di Ella Fitzgerald o alla versione registrata a New York da Astrud Gilberto e Stan Getz. Più in qua con i tempi, la canzone è stata interpretata da Amy Winehouse, Madonna, Los Hermanos e dalla Mina nazionale. Poi ci sono le versioni meno note come quella dei Sepultura – si, avete letto bene – al Grammy Latino del 2008, quella dei Kings of Convenience, la versione rap del canadese Rick Moranis o l’interpretazione di Mike Tyson durante il programma di Luciano Huck.

Se questo non bastasse, per i più eclettici, esiste una versione di “Garota de Ipanema” in finlandese, “Ipaneman tyttö”, registrata da Laila Kinnunen e, addirittura, una in esperanto dal titolo “Knabino el Ipanema”. La lista non finisce qui, perché la garota di Ipanema è stata cantata anche in una puntata dei Simpsons e in episodi di Scrubs, Big Bang Theory, eccetera, eccetera.

garota-de-ipanema
“Garota de Ipanema”: racconto per immagini.

C’è un altro punto da individuare sulla mappa di Rio de Janeiro del 1962 per raccontare questa storia. È Copacabana, nel punto esatto in cui si trova la boate Bon Gourmet.

L’avvocato Jorge Karam, in una fredda sera d’agosto, avrà pensato bene di trangugiare una bottiglia. Che sapesse o no del concerto che da lì a poco ci sarebbe stato nella boate non è dato saperlo. Il registratore che aveva in tasca forse era lì per caso, forse no. Ad ogni modo, su quel nastro l’avvocato Jorge riuscì a registrare un concerto memorabile. In quel locale, infatti, per la prima e ultima volta si esibivano insieme Tom Jobim, Vinicius de Moraes e João Gilberto.

– João Gilberto: “Tom, e se você fizesse agora uma canção / Que possa nos dizer / Contar o que é o amor?”
– Tom Jobim: “Olha Joãozinho, eu não saberia / Sem Vinícius pra fazer a poesia…” 
– Vinicius de Moraes: “Para essa canção se realizar / Quem dera o João para cantar…”
– João Gilberto: “Ah, mas quem sou eu? / Eu sou mais vocês / Melhor se nós cantássemos os três…”
– Insieme: “Olha que coisa mais linda, mais cheia de graça…”

Andò esattamente così. Questo il siparietto che si presentò agli occhi e alle orecchie fortunate di Karam e di quanti erano in quel locale. Loro furono i primi ad ascoltare “Garota di Ipanema” in una fredda notte d’agosto.

Chi era lì ricorda bene e se ne compiace. Noi, possiamo solo affidarci alle loro memorie e ad una registrazione non autorizzata (che gira su YouTube). Que coisa mais linda!

Pietro Scaramuzzo

Tra i più autorevoli esperti di musica brasiliana in Italia. È il fondatore di Na Boca do Povo, progetto culturale per la diffusione della musica e della cultura brasiliana.

Lascia il tuo commento

Fai clic qui per lasciare un commento

Contattaci qui

dentroriodejaneiro@gmail.com

Offerte per il tuo hotel

Spring Sale Image Banner 300 x 250
Booking.com

Ti potrebbe interessare

Resta aggiornato

Banner City Breaks 300x250

Seguici su Google+

AMI IL BRASILE? SEGUICI!
Ogni tanto ti invieremo novità dal blog, segnalazioni di eventi brasiliani in Italia, offerte per risparmiare sui viaggi e altre informazioni utili. Potrai disiscriverti quando vorrai e ti promettiamo che non condivideremo mai i tuoi dati con altri.
Inviando i tuoi dati, dichiari di aver letto la
Condividi su Facebook
VUOI RICEVERE NOVITÀ E OFFERTE? SEGUICI!
Ho letto e accetto l'
SCARICA IL MEDIA KIT
Scaricando il media kit dichiari di aver letto e accettare l'informativa sulla privacy. Non condivideremo mai i tuoi dati con altri.
Grazie per aver scaricato il Media Kit.
Per ogni informazione puoi scriverci a comunicazione@baleia.org o tramite la nostra pagina Facebook
BAIXE O MÍDIA KIT
Baixando o mídia kit você declara de ter lido aceitar a nossa privacy policy. A gente não vai difundir seus datoss.