Note carioca

Charlie Brown alla scoperta del Brasile e di Rio de Janeiro

mio-amico-charlie-brown-nc3-new
Charlie Brown - Benito di Paula (1974).
Il mio amico Charlie Brown.. un pezzo bello, caldo, scoppiettante e classico per augurare a tutti voi un felice 2014!

Probabilmente non tutti conoscono Benito di Paula e men che meno Uday Vellozo (vero nome dell’artista). Tutti, invece, conoscono e amano Charlie Brown, il ragazzino testardo e ansioso di Peanuts.

Benito potrebbe essere italiano ma di italiano, a parte il nome, ha ben poco. Negli anni ’70 a Rio de Janeiro il nome Uday Vellozo non avrebbe fatto tanto successo tra il pubblico. Benito di Paula, invece, aveva il fascino del gringo che tanto piace ai brasiliani. E poi Uday gli italiani li conosceva bene, ci conviveva e aveva tutto il diritto di sentirsi un po’ italiano anche lui.

Neanche Charlie Brown è italiano eppure, in quella casa a Rio de Janeiro, erano proprio degli italiani che presentarono Charlie a Uday nel 1975.

Charlie di Brasile ne sapeva poco e Benito di Paula ne volle mostrare le bellezze con un brano frizzante oggi conosciuto e amato anche da chi, come Charlie, ancora non conosce la terra di Vinicius de Moraes, di Luiz Gonzaga, di Machado de Assis e di Carlos Drummond de Andrade.

Il testo fu pensato quasi come una lettera – espediente spesso usato da molti artisti come Chico Buarque o il nostro Lucio Dalla – che, se non avesse avuto una musica, avrebbe recitato così:

Charlie, amico mio,
quando arriverai in Brasile, se ti va, possiamo visitare la nostra São Paulo con al sua garoa. Poi pensavo di fare un salto a Bahia. È impressionante come questa terra abbia dato i natali a musicisti così geniali. Sto pensando a Luiz Gonzaga, Caetano Veloso, Gilberto Gil, João Gilberto.

Poi possiamo fare un salto a Rio de Janeiro. Come sai lì c’è un Carnevale meraviglioso. A Rio vale la pena  andare anche allo stadio a vedere il Flamengo con la sua tifoseria, la più grande del Paese.

Charlie, amico mio, il Brasile è enorme ma se avrai tempo e pazienza sarò felice di mostrartene ogni angolo, ogni strada, ogni volto, ogni suono.

Ti aspetto!

La canzone è diventata un classico per festeggiare il Capodanno (chi non conosce il medley di Disco Samba?) e con questo pezzo storico vi auguro un felice anno nuovo pieno di musica!

Racconto scritto a quattro mani da Pietro Scaramuzzo e Simone Apollo per la rubrica Note Carioca.

Pietro Scaramuzzo

Tra i più autorevoli esperti di musica brasiliana in Italia. È il fondatore di Nabocadopovo, progetto culturale per la diffusione della musica e della cultura brasiliana.

Lascia il tuo commento

Fai clic qui per lasciare un commento

AMI IL BRASILE? SEGUICI!
Ogni tanto riceverai novità dal blog, segnalazioni di eventi, offerte per risparmiare sui viaggi e altre informazioni utili. Potrai disiscriverti quando vorrai e, è una promessa, non condivideremo mai i tuoi dati.
Ho preso visione dell'informativa sulla privacy, accetto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.
SCARICA IL MEDIA KIT
Scaricando il media kit dichiari di aver letto e accettare l'informativa sulla privacy. Non condivideremo mai i tuoi dati con altri.
Grazie per aver scaricato il Media Kit.
Per ogni informazione puoi scriverci a comunicazione@baleia.org o tramite la nostra pagina Facebook
BAIXE O MÍDIA KIT
Baixando o mídia kit você declara de ter lido aceitar a nossa privacy policy. A gente não vai difundir seus datoss.