Carnevale Rio de Janeiro

Carnevale di Rio 2019: l’Império Serrano e la vita secondo Gonzaguinha

imperio-serrano-2019
La scuola di samba Império Serrano in sfilata al Sambódromo (Foto: G. Santos - Riotur).
La storica scuola di samba Império Serrano, per il Carnevale di Rio de Janeiro 2019 celebra Gonzaguinha e si domanda cosa sia veramente la vita.

Nel 1982 Gonzaguinha si chiedeva cosa fosse veramente la vita e scrisse una delle canzoni più belle della musica brasiliana. “O que é, o que é” è un samba che, quando lo ascolti, i brividi proprio non li trattieni. Non ce la fai perché melodia e testo ti arrivano dritti al cuore. Parla di qualcosa che tutti noi ci chiediamo, anche se facciamo finta di non pensarci. La vita, le tante domande che ci pone e le uniche risposte che contano: quelle semplici, vere e pure.

L’Império Serrano è una scuola di samba delle più antiche di Rio e ha le sue radici a Madureira, dove si trova la comunità di Serrinha. Ho avuto il piacere di visitare la favela pochi mesi fa per un progetto fotografico e vi dico che è uno di quei luoghi dove respiri il profumo ancestrale delle radici, tutte africane, del samba. L’identità brasiliana e carioca deve molto a questa comunità che magari, perché no, dovrebbe essere patrimonio UNESCO.

“Há quem fale que a vida da gente é um nada no mundo, é uma gota, é um tempo que nem dá um segundo. Há quem fale que é um divino mistério profundo. É o sopro do criador numa atitude repleta de amor”.

Per il Carnevale di Rio de Janeiro 2019, l’Império Serrano ha fatto una scelta che per alcuni è azzardata. A me piace molto: l’enredo gira intorno agli interrogativi che Gonzaguinha si poneva quasi quaranta anni fa e il samba-enredo sarà proprio la canzone immortale del figlio di Luiz Gonzaga.

Chissà che la scelta non sia dovuta anche al fatto che l’Império Serrano doveva essere retrocesso lo scorso anno e invece è stato graziato ed è rimasto nel Gruppo Speciale. In fin dei conti, “O que é, o que é” è un pezzo che fa crescere per definizione il senso di gratitudine. Immaginate quando a cantarla sono migliaia di persone dentro al Sambódromo

Cosa significa veramente vivere? È una lotta? È un cuore che batte? È solo un’illusione? È un niente nel mondo? È accumulare cose e momenti, allegria e tristezza? O forse è un mistero e solo Dio sa cosa sia veramente. Chissà.

Gonzaguinha alla fine “si accontentava” della risposta limpida dei bambini: è la vita ed è bella. Non pensiamoci troppo, non vergogniamoci di essere felici e sorridiamo.

Simone Apollo

Sono appassionato di Rio de Janeiro e di Brasile. Sociologo, esperto di America latina, innovazione sociale, favelas e comunicazione. Inventore di DentroRiodejaneiro, l'unico blog italiano dedicato a Rio de Janeiro (e non solo).

Lascia il tuo commento

Fai clic qui per lasciare un commento

AMI IL BRASILE? SEGUICI!
Ogni tanto riceverai novità dal blog, segnalazioni di eventi, offerte per risparmiare sui viaggi e altre informazioni utili. Potrai disiscriverti quando vorrai e, è una promessa, non condivideremo mai i tuoi dati.
Ho preso visione dell'informativa sulla privacy, accetto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.
SCARICA IL MEDIA KIT
Scaricando il media kit dichiari di aver letto e accettare l'informativa sulla privacy. Non condivideremo mai i tuoi dati con altri.
Grazie per aver scaricato il Media Kit.
Per ogni informazione puoi scriverci a comunicazione@baleia.org o tramite la nostra pagina Facebook
BAIXE O MÍDIA KIT
Baixando o mídia kit você declara de ter lido aceitar a nossa privacy policy. A gente não vai difundir seus datoss.