Carnevale di Rio: la Mocidade in Pernambuco

La Mocidade Independente de Padre Miguel ci fa viaggiare verso il Pernambuco, il suo folclore e la sua infinita ricchezza culturale.

La principale scuola di samba della zona ovest di Rio de Janeiro affida le sue speranze per il Carnevale di Rio de Janeiro 2014 al famoso musicista Dudu Nobre.

Non sono mai stato un grande ammiratore dello stile della della Mocidade Independente de Padre Miguel, che comunque è una importante e storica scuola di samba di Rio de Janeiro. Il samba-enredo del 2014 conferma questa mia scarsa passione ma, allo stesso tempo, offre degli spunti interessanti.

Intitolato “Pernambucópolis” l’enredo della Mocidade prende spunto dal passato della scuola. Potete ascoltarlo nel video più avanti in quest’articolo.

Mocidade Independente de Padre Miguel

Mocidade Independente de Padre Miguel in sfilata (foto: T.Barreto)

Pernambucópolis, enredo 2014 della Mocidade

Si parte infatti dal 1985, anno in cui la scuola vinse il Carnevale di Rio con un enredo che allora era un grande viaggio nel futuro e si passa per il 1987, anno in cui con il samba-enredo “Tupinicópolis” la scuola di Padre Miguel raccontò un’immaginaria metropoli indigena come spunto per una critica severa ad una società che sfruttava le popolazioni native e considerato uno dei più grandi samba-enredos di sempre.

L’idea è quella di fare un altro viaggio, questa volta nella tradizione, avendo come punto di riferimento un enredo epocale e importante per la storia della scuola di Padre Miguel (che è il nome di un quartiere e non di un prelato).

Mocidade Independente de Padre Miguel

Stendardo della Mocidade.

“Eita saudade danada
Vim das estrelas com meu ziriguidum
-Parece que estou sonhando-
Meus olhos reencontrando
Minha gente, meu lugar”.

Il viaggio è direttamente nel Pernambuco, stato del Nordeste brasiliano ricco di diversità culturale e musicale, che tanto ha dato all’identità brasiliana. La Mocidade cita il forró, il frevo, il maracatu, la ciranda e i luoghi dove questi fenomeni musicali e culturali hanno toccato il massimo splendore; cita artisti come Vitalino (uno dei più grandi ceramisti che il Brasile ricordi); ricorda la vocazione religiosa di questo splendido territorio; tocca le diverse realtà geografiche del Pernambuco, che dalle spiagge sferzate dall’oceano corre verso l’interno del continente con il grande sertão e il suo clima arido.

Il Pernambuco, tra sacro e profano, ancora oggi condensa in sé molta della ricchezza culturale che il Brasile ha prodotto in passato e ancora produce. Un pensiero speciale va ad Olinda, città storica vicinissima alla capitale Recife, dove ha luogo uno dei Carnevali più belli al mondo.

Un gran bel viaggio quello della Mocidade Independente de Padre Miguel. Lo stile è quello tradizionale e allo stesso tempo allegro e irriverente di una scuola di samba che si è rinnovata molto negli ultimissimi anni: e il Pernambuco brillerà al sambódromo di Rio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *