Carnevale di Rio 2014: Grande Rio

La scuola di samba Acadêmicos do Grande Rio racconta Maricá e la storia di Maysa con un enredo pieno di poesia, classe e delicatezza per il Carnevale di Rio 2014.

Altro non è che un grande inno d’amore alla città di Maricá, l’enredo della scuola di samba Grande Rio.

La cittadina del litorale a nord di Rio de Janeiro, che si affaccia tra laguna e grandi spiagge e si trova subito dopo Niterói risalendo il litorale oceanico, compirà 200 anni di esistenza proprio quest’anno. Per questa ragione, il GRES Acadêmicos do Grande Rio, scuola di samba di Duque de Caxias (municipio della Baixada Fluminense) nata nel 1988 dalla fusione di altre due scuole, ha deciso di elogiare proprio Maricá.

scuola-samba-grande-rio

Sfilata della scuola di samba Acadêmicos do Grande Rio (foto: R. David).

“Verdes olhos de Maysa sobre o mar, no caminho: Maricá”, il samba-enredo della Grande Rio

Lo fa con una storia romantica che sa di saudade. Nella trama dell’enredo a rendersi conto della bellezza di Maricá e a scrivere dei versi su un foglio è una donna, la quale, proprio grazie alla poesia del luogo in cui vive, riesce a vedere una speranza per il proprio futuro.

La donna è Maysa Figueira Monjardim, meglio conosciuta proprio come Maysa, artista brasiliana deceduta nel 1977 in un incidente automobilistico sul lungo ponte che collega Rio de Janeiro e Niterói. Cantante, compositrice e attrice, Maysa raggiunse il grande successo ma ebbe una vita molto agitata. Durante i suoi ultimi anni, in preda alla depressione, Maysa si isolò nella sua casa al mare a Maricá.

In questo contesto si inserisce l’episodio raccontato dalla scuola di samba Grande Rio.

grande-rio-scuola-samba

Stendardo della scuola di samba Grande Rio.

“Maysa compondo, estrela no céu
vem ver que foi o índio quem admirou
a imensidão da beleza local
primeiro habitante, inocente brincou
nas ondas brancas do seu litoral”.

Maysa è in casa, si sveglia presto, apre la finestra e si affaccia.

Il chiarore del sole invade la stanza e si riflette, insieme al blu del mare, sui suoi occhi verdi ed evidentemente tristi. Una barca naviga nelle acque dell’Atlantico: la speranza rinasce insieme alla luce di un nuovo giorno in un luogo meraviglioso chiamato, appunto, Maricá.

Nella storia raccontata dagli autori della scuola di samba Grande Rio, Maysa scrive dei versi su un foglio che sarà trovato da qualcuno e servirà come enredo per la scuola di samba.

Tra i samba-enredo del Carnevale di Rio 2014 quello della Grande Rio non è tra quelli che ci ha entusiasmato di più, pur appoggiandosi su una storia bella ed emozionante e distinguendosi per classe e delicatezza.

Lo scorso anno la scuola di classificò al 6° posto del gruppo speciale. Chissà cosa succederà questa volta. Intanto potete assistere al video ufficiale registrato nella quadra registrato nella quadra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *